col1.jpg

   

        

logo_s

La sete e fame di Dio. Quaresima "giovane" PDF Stampa E-mail
Scritto da suor Malgorzata Jablonska   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 00:15

http://www.suorecappuccine.org/home/images/stories/news/niebo.jpg"Privarsi del cibo facilita un’interiore disposizione ad ascoltare Cristo.Con il digiuno e la preghiera permettiamo a Lui di venire a saziare la fame più profoda che sperimentiamo: la fame e sete di Dio"

Benedetto XVI, messaggio per la Quaresima 2009

A partire dal messaggio di Papa Benedetto per la Quaresima e dall’invito a una nuova sobrietà, ecco le prime iniziative verso la Pasqua. Dalla rinuncia all’iPod ai ritiri: una mappa di proposte che parlano allo spirito.

La Quaresima «giovane»? Occasione formidabile per ridare slancio alla vita dello spirito. E il digiuno proposto dal Papa nel suo messaggio per la Quaresima 2009 viene accolto dai ragazzi con interesse. Nelle diocesi italiane le pastorali giovanili programmano occasioni per incontri, veglie, esercizi spirituali, dibattiti. Tutto all’insegna del fermarsi, fare silenzio, e riscoprire dentro di sé l’eco della Parola di Dio. Basta poco. Per esempio zittire per qualche ora al giorno cellulari, iPod, Mp3, Internet, come hanno fatto i ragazzi di una parrocchia ligure, durante gli esercizi spirituali. Oppure nutrire i sensi con la lode, l’adorazione e il Rosario, come testimoniano i giovani sposi di una comunità roma¬na. Ma anche condividere la vita quotidiana – dai piatti da lavare alla meditazione serale – nelle due settimane di vita comunitaria presso una parrocchia torinese. San Paolo resta quest’anno il cuore di molti incontri in preparazione della Pasqua, come testimoniano i venerdì dei giovani con il vescovo di Fidenza. Un cammino spirituale che sconfina anche sul web dove è possibile scaricare sussidi e contenuti audio e video, utili alla preparazione. Basta infine dare uno sguardo ai gruppi dei giovani cattolici che si incontrano su Facebook per capire quanto sia urgente il desiderio di saziare la fame e la sete di Dio.

la fonte: Avvenire (D.Pozz.)