4.jpg

   

        

logo_s

Carnevale ambrosiano dei ragazzi 2009 (1) PDF Stampa E-mail
Scritto da suor Malgorzata Jablonska   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 21:53
http://www.suorecappuccine.org/home/images/stories/news/bimba.jpg34° Carnevale ambrosiano dei ragazzi è di sabato grasso 28 febbraio 2009. E’ un occasione per coinvolgere tutti gli oratori in una grande Sfilata degli Oratori nel centro storico di Milano e nelle piazze e nelle vie delle città e dei paesi della Diocesi. Come ogni anno la grande sfilata è stata organizzata dalla FOM (Fondazione Oratori Milanesi) sotto titolo “Diamo i numeri”.
L’idea della sfilata dei ragazzi e soprattutto la preparazione non è semplice divertimento ma per chi lo vuole diventa anche il momento prezioso dell’incontro, della catechesi, del creare insieme, lavorare per gli altri – perché ogni oratorio i costumi li crea secondo la fantasia degli animatori e secondo le indicazioni della FOM. Si lavora insieme e si lavora per gli altri dedicando il proprio tempo alla preparazione dei costumi per i bambini, per il oro genitori, alla preparazione del carro e degli stendardi… è un modo di crescere nella carità. Proprio così gli animatori della parrocchia di S.S. M.M. Nabore e Felice impegnano il loro tempo da oltre un mese con un effetto finale che sarà da ammirare già il sabato grasso! Il titolo del carnevale di quest’anno e “Diamo i numeri” – perché?
 
 
Perché ormai i numeri fanno parte della nostra quotidianità: dietro ai banchi di scuola facciamo operazioni ed equazioni, sulla bilancia misuriamo il nostro peso, per la spesa contiamo i soldi, al bar giochiamo i numeri del lotto, in auto calcoliamo il percorso stradale, corriamo contro il tempo e facciamo calcoli sul futuro: a volte diamo i numeri! Volenti o nolenti i numeri ci fanno compagnia in ogni istante della giornata. Così, inconsciamente, tutti ci prepariamo alla 50° Olimpiade della matematica (che realmente si terrà nel 2009 in Germania). Per quell'occasione si scateneranno tutte le super potenze di calcolo: anche se i numeri romani e arabi hanno già fatto pace, tra numeri reali e primi la lotta è al vertice, ma attenzione i cardinali non staranno a guardare. Cubi e sfere si sfideranno all'ultimo solido. Il goniometro non si farà mettere all'angolo dal primo compasso che passa. L'1 si è fatto un'operazione al naso, l'8 ha arrotondato le curve, il 5 è stufo di essere insufficiente. Come si può immaginare tutte le squadre per allenarsi stanno facendo esercizi da mesi per giungere in cima alla piramide dei concorrenti. Da indiscrezioni sono trapelate alcune discipline di gara: Tiro con l'arco, lancio del giavell'8, tiro alla corda (del cerchio), inseguimento a squadre, can8, …. Nell'arco della giornata forse qualcuno troverà la retta via o forse i 3 porcellini, i fantastici 4, o i 7 nani: ma siamo sicuri che nessuna tangente è stata distribuita, anche perché su tutti vigilerà il 113. Per il fatto che più e meno si sono accordati, non ci saranno né frazioni né divisioni, anche perché cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia. Si è vero: tutto ha un non so che di irrazionale (numero ovviamente) ma niente paura è già allertato il 118. E per festeggiare è stato preparato un bel grafico a torta. Nell'insieme ci aspettiamo una grande Olimpiade e di sicuro non ci saranno solo 4 gatti (forse 44), non mancherà nemmeno 1. E chissà se quel giorno qualcuno scoprirà dov'è l'albero con la radice quadrata! Nel cerchio della nostra vita (dove la Parabola ha un senso e dove a volte calcolare non serve) il carnevale è l'occasione per valorizzare l'aspetto divertente dello stare insieme con semplicità e sobrietà: diamo spazio ai numeri che abbiamo dentro tirandoli fuori ed elevandoli alla massima potenza: il risultato sarà 100 volte tanto più bello! Sappiamo che lo stare insieme fa miracoli e la moltiplicazione di pani e pesci ne è la prova. Ma ricordiamolo: noi non siamo semplici numeri ma a carnevale (per 1 volta) daremo i numeri!