4.jpg

   

        

logo_s

Di Te si dicono cose stupende, o Maria PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Maggio 2009 11:55
 tredicimaggio ROMA 13 maggio, un’occasione propizia per volgere lo sguardo a Maria e rinfrescare la coscienza della sua vicinanza nel nostro pellegrinaggio quotidiano. Lei, come madre della Chiesa e madre di ogni battezzato, è la forza che sostiene la fatica del nostro cammino. Facciamo memoria di quella domenica 13 maggio 1917, quando i tre cugini: Lucia, Francesco e Giacinta, dopo aver assistito alla Santa Messa nella chiesa parrocchiale di Fatima, tornarono ad Aljustrel per prepararsi a condurre al pascolo le loro pecore. Il tempo primaverile era splendido e quindi decisero di andare questa volta fino alla Cova da Iria, una grande radura a forma di anfiteatro, delimitata verso nord da una piccola altura. Mentre allegri giocavano, nel cielo apparve un bagliore come lampi di fulmini, per cui preoccupati per un possibile temporale in arrivo, decisero di ridiscendere la collina per portare il gregge al riparo. A metà strada dal pendio, vicino ad un leccio, la luce sfolgorò ancora e pochi passi più avanti videro una bella Signora vestita di bianco ritta sopra il leccio, era tutta luminosa, emanante una luce sfolgorante; si trovavano a poco più di un metro e i tre ragazzi rimasero stupiti a contemplarla; mentre per la prima volta la dolce Signora parlò rassicurandoli: “Non abbiate paura, non vi farò del male”. A questo punto la più grande di loro, Lucia, chiese alla Signora “Da dove venite?” “Vengo dal Cielo” e Lucia “Dal cielo! E perché è venuta Lei fin qui?”, “Per chiedervi che veniate qui durante i prossimi sei mesi ogni giorno 13 a questa stessa ora; in seguito vi dirò chi sono e cosa desidero, ritornerò poi ancora qui una settima volta”. E Lucia, “E anch’io andrò in cielo?”, “Si”, e “Giacinta?”, “anche lei”, “e Francesco?”, “anche lui, ma dovrà dire il suo rosario”. La Vergine poi chiese: “Volete offrire a Dio tutte le sofferenze che Egli desidera mandarvi, in riparazione dei peccati dai quali Egli è offeso, e per domandare la conversione dei peccatori?”. “Si lo vogliamo” rispose Lucia, “Allora dovrete soffrire molto, ma la Grazia di Dio sarà il vostro conforto”. E dopo avere raccomandato ai bambini di recitare il rosario tutti i giorni, per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra, la Signora cominciò ad elevarsi e sparì nel cielo.
In seguito avvengono le altre apparizioni. Un fatto che ci rassicura nella protezione e compagnia di Maria alla Chiesa e al mondo; A Lei l’omaggio della nostra lode e l’obbedienza al suo rinnovato invito alla preghiera e all’unione costante con il suo Figlio Gesù.