hnadiana.jpg

   

        

logo_s

Vivere come se Dio esistesse PDF Stampa E-mail
Scritto da suor Malgorzata Jablonska   
Giovedì 21 Maggio 2009 12:44
http://www.suorecappuccine.org/home/images/stories/news/reka.jpgEcco la novità di questo formidabile Papa: che ri-parla di “allargamento della ragione” nella moschea di Amman e affronta “il mistero di Dio” nell’Olocausto. è una disposizione nuova, affettiva, quella che Benedetto incarna e promuove
Joseph Ratzinger una volta propose di sostituire il dogma del vivere «etsi deus non daretur», come se Dio non esistesse, con la categoria del possibile: “Vivere come se Dio esistesse”. Che, pensateci un po’, sembra più razionale. E più auspicabile anche esistenzialmente. Infatti, cosa altro sono le idee e le scoperte di una vita se non balbettii? Si può vuotare il mare dell’Essere dentro una testa che si riempirà di vermi (tra adesso e i prossimi cent’anni per i più fortunati)? L’Essere (e pure il nostro microscopico essere gettato nel mondo, pensateci e andate a festeggiare il Planck di Bersanelli che fotograferà il vagito dell’universo, vedi a pagina 53) deborda qualunque nostra misura. è un fatto, una prova che possiamo verificare cento volte al minuto. E financo al secolo e al millennio. Converremo che è umanamente più ragionevole lasciare un pertugio ai fatti (vivere “come se” la salvezza potesse arrivare da un momento all’altro, “sempre”). Piuttosto che chiudere baracca e burattini (vivere “come se” la vita non conoscesse altri sbocchi possibili che il pre-visto, “mai”). Ora, credenti e non credenti, checché ne pensino loro, si trovano nella stessa identica posizione. Difficile da scalzare se per gli uni Dio è Dio (e Cristo è il Messia), ma solo se in tasca loro. E se per gli altri Dio non è Dio, ma solo se non si chiama Scienza o Denari, poiché in tal caso, sono anch’essi pieni di Padreterni. E pure loro ce li hanno in tasca. Ecco la novità di questo formidabile Papa: che ri-parla di “allargamento della ragione” nella moschea di Amman e affronta “il mistero di Dio” nell’Olocausto. Non abbiate paura. Fate come me, aprite le porte alla possibilità. è una disposizione nuova, affettiva, quella che Benedetto incarna e promuove. La libertà è costretta a ripartire. E a muoversi nell’asse della pace.