1.jpg

   

        

logo_s

Quaresima: incontro con il Dio della liberazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 17 Febbraio 2010 09:08

quar_mIniziamo oggi il tempo di Quaresima con il suo forte richiamo a un impegno serio di penitenza, di preghiera di maggiore ascolto della Parola di Dio, che operi una trasformazione nella propria vita.



La Chiesa non smette mai di riproporre, in preparazione alla settimana santa ed alla solennità della Pasqua, questo periodo intenso e vorrebbe che ancora la quaresima potesse parlare fortemente a tante persone per invitare ad una vita cristiana più sentita e a riprendere un'esistenza evangelica più vera.

La Quaresima è per l'uomo, per il bene della sua vita, per il senso della sua libertà, per una sua felicità che non sia illusoria, vana e passeggera. Sua Santità Benedetto XVI mette al centro del suo Messaggio per la Quaresima 2010 il tema della giustizia: dietro ai gesti del digiuno e dell'elemosina c'è anche l'invito per creare rapporti giusti tra gli uomini e tra i popoli, evitando lo scandalo della disuguaglianza tra chi ha troppo e chi non ha nulla. È illusorio ricercare le cause dell'ingiustizia, dello sfruttamento, dell'egoismo - spiega il Papa - in elementi esterni al cuore dell'uomo. È solo quando ci riconosciamo amati da Dio che diventiamo capaci di costruire rapporti di giustizia tra le persone.

Per scoprire il senso vero della quaresima lasciamoci portare nel deserto per incontrare il Dio della liberazione, cioè lasciamo un poco la società rumorosa e distraente per entrare nel fondo di noi stessi e fare una vera esperienza di preghiera. Tante volte il nostro pregare si riduce a un bisbigliare nella noia. Abbiamo fretta e siamo distratti. Non c’è vita, non ci sentiamo coinvolti; e, dopo la preghiera, tutto è come prima. Se vogliamo fare una Quaresima diversa, dobbiamo prima di tutto proporci una preghiera insistente, forte, nuova, che ci conduca a produrre frutti di conversione.

Scarica il messaggio del Santo Padre