col1.jpg

   

        

logo_s

Un cuore mite e umile… PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 29 Maggio 2010 10:14
sc_mCare sorelle il brano del Vangelo secondo Matteo capitolo 11, 28-30 lo conosciamo a memoria, ma mi fa piacere ripetere. “Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore,    e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero.” Anche la nostra Madre Generale mette al inizio di ogni circolare questa frase cosi importante per la nostra spiritualità: “Imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime..”

Tante volte ho sentito questa frase e tante volte ho cercato di meditare il suo profondo significato. Certamente non si può dire che si ha conosciuto tutta la verità, perchè la parola del Signore e il suo Cuore è una sorgente o un pozzo senza fondo… Sta volta mi suscita curiosità una cosa, Gesù dice: “io sono mite e umile di cuore”! Ho pensato: che significa che il Cuore di Gesù è mite e umile? Ho ricevuto una risposta come se fosse una consolazione o una missione.

Un cuore mite-silenzioso com’è ? un Cuore che sa fare silenzio dentro di sè…perché solo così un cuore può ascoltare l’altro. Noi nel silenzio del nostro cuore riusciamo a trovare Dio, a sentire la sua voce, a sentire se ci chiama. Il silenzio è molto importante nella vita di chi vuole vivere secondo lo Spirito. Un cuore silenzioso riesce ad accogliere l’altro, a sentire i bisogni, i problemi, le difficoltà degli altri…e riesce ad accogliere tutto con gioia.

Gesù per questo ci dice, ci fa ricordare che il suo Cuore è mite-silenzioso, perché ci vuole dire che nel suo Cuore c’è uno spazio, un silenzio per accoglierci così come siamo. La seconda parte ci parla di un cuore umile. Solo il cuore umile che non è pieno di superbia riesce ad accogliere un ‘altra persona diversa da noi…un cuore cosi non rifiuterà mai nessuno, perché gli altri saranno sempre superiori, migliori…

L’umiltà apre il nostro cuore, anzi spalanca le porte del nostro cuore, facendolo accogliente, generoso, sensibile…ecc solo in questo cuore può dimorare Dio e nascere l’Amore. Il cuore pieno di superbia, di orgoglio pian piano diventa come una pietra….un uomo con il cuore orgoglioso è un uomo chiuso e duro. Gesù nostro Signore è di Cuore umile, perché essendo Figlio di Dio si è spogliato e accoglie nel suo cuore tutti, non fa nessuna preferenza. Abbiamo la sua conferma nelle parole: ” Venite a me, voi tutti…” Chi sono questi tutti?

Tutti significa ogni uomo e ogni creatura che vive su questa terra, può venire a Cristo così com’è con le proprie esperienze di vita. Cristo quando si manifesta sempre ci chiama per qualcosa…questa volta ci dice: ” Imparate da me…”

Per noi Suore Cappuccine del Sacro Cuore è un insegnamento per la nostra vita consacrata, perché sempre dobbiamo nel nostro cuore lasciare spazio e silenzio per sentire i bisogni di tutti i poveri e di chi ci sta accanto. Tutto questo si fa con un cuore umile che non si vanta, non si gonfia, non rifiuta nessuno, accoglie tutti con tanto amore e bontà. Avendo un cuore mite e umile, noi per davvero troviamo un ristoro per le nostre anime. Quale difficoltà, problema ci può dare fastidio? Chi ci può separare dal Cuore di Cristo? Se ci lasciamo guidare e plasmare dalla presenza dello Spirito Santo che brucia come un fuoco nel nostro cuore, allora solo così il giogo diventa dolce e il carico leggero.

A me e a tutti coloro che hanno letto questa mia semplice riflessione auguro nel mese di giugno dedicato al Sacro Cuore di Gesù ogni bene, ogni grazia e perseveranza nella scuola di Cristo Gesù nostro Maestro e Signore . Amen!
                                                                                           Sr Beata Trzeciak