56.jpg

   

        

logo_s

Form@nimatori! PDF Stampa E-mail
Scritto da Sr Beata   
Giovedì 10 Novembre 2011 10:21
form_mMESSINA L’ufficio diocesano di Pastorale giovanile della Diocesi Messina-Lipari- Santa Lucia del Mela ha offerto un’occasione di formazione personale per animatori di Pastorale Giovanile. “Perché una pastorale giovanile sia solida ed efficace è necessario rivolgere una costante attenzione alla preparazione spirituale,  culturale e pedagogica di educatori in grado di accompagnare e guidare i ragazzi e i giovani nella maturazione del loro cammino di fede(Beato Giovanni Paolo II)

Gli incontri si sono svolti in tre zone: a Roccalumera, presso la nostra casa, a Messina, presso il Seminario e ad Olivarella, presso l’Oratorio.
Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare alcuni relatori con varie tematiche, ci siamo poste le domande: chi è l’operatore di pastorale giovanile? Come progettare la pastorale giovanile oggi?

Lo scopo di questo incontro di formazione era quello di conoscerci per innovare il nostro modo di servire i giovani, abbiamo approfondito la nostra spiritualità… Siamo degli animatori in ascolto per riscoprire che siamo stati chiamati da Qualcuno per annunciare il suo Vangelo!

Questo incontro mi ha fatto ricordare l’esempio della nostra Fondatrice Madre Veronica, che è stata un testimone cioè un punto di riferimento per tanti giovani del suo tempo perché sapeva rendere ragione della speranza che sosteneva la sua vita.
Lei, fin dalla sua giovinezza è stata sensibile alla miseria umana e spirituale, si dedicava all’attività catechistica inserita nella vita parrocchiale con iniziative di formazione ed educazione per i fanciulli, portando così una novità per la donna siciliana. Ispirata dalla dottrina della Chiesa era convinta profondamente che l’educazione consiste “nella formazione dell’uomo…” a noi sorelle ci esortava con le parole “crescete, crescete nella virtù ma soprattutto nell’amore”.
Ai giovani inculcava i veri valori, dava loro saggi insegnamenti seguendoli con l’accompagnamento spirituale. Lei, con questo stile educativo pieno di dolcezza e comprensione, conquistava i giovani che si sentivano accolti, amati, capiti e seguiti.
Questo ricordo di Madre Veronica come educatrice attenta alla formazione integrale della persona sicuramente sarà per me un aiuto e un esempio per poter svolgere meglio la mia chiamata al servizio della pastorale giovanile.

Deo gratias et Mariae
Sr Beata