52.jpg

   

        

logo_s

Coloriamoci di Spirito PDF Stampa E-mail
Scritto da Sr Margherita   
Martedì 29 Maggio 2012 16:06
coloriamoci_mTHIENE 26 – 27 maggio, festa dei giovani. E' stata un'esperienza intensa di festa, condivisione, testimonianza e fraternità! Lo Spirito Santo in Francesco e Chiara di Assisi ha fatto cose meravigliose e continua a farne di incantevoli ancora oggi nella vita di tutti noi giovani! Lo scopo di questi due giorni è proprio quello di condividere  le nostre esperienze colorate dal fascino delle vite di Francesco e Chiara che si sono lasciati accendere dal Fuoco dello Spirito!

Due giorni intensi in fraternità con i giovani del Veneto, Trentino e Lombardia per colorarsi di Spirito. La trama dell’incontro era semplice: un momento di accoglienza e presentazione fra canti e balli. Un secondo momento dedicato all’ascolto attivo nei vari stand delle diverse famiglie: famiglia di affidamento, famiglia dei frati, famiglia dell’Ofs e famiglia T.V.B. Tutte e quattro esperienze che mettono in crisi qualcosa in ognuno, che chiedono il confronto, ma il meglio deve ancora venire. La sera, in un grande raccoglimento e silenzio la Veglia di Pentecoste.

La domenica mattina ci regala un incontro forte e grazie al collegamento via skype entriamo in casa di Sara. Ci viene donato un incontro che illumina la nostra vita comoda e ci fa vedere e capire quanto siamo fortunati.. Questa luce ci viene dalle parole di Sara affetta da una rara malattia genetica che la costringe a rimanere immobile al letto e di comunicare con noi grazie ai suoi genitori - unici in grado di capire il suo linguaggio. E’ lei, Sara, che dice: “La vita è meravigliosa e dovete ringraziare per questo dono”….ci sentiamo tutti spiazzati dalla verità di queste parole e dalla propria pochezza. Di fronte a una vita che grida la sua felicità essendo inchiodata al letto non possiamo che riconoscere che non abbiamo da lamentarci, che abbiamo bisogno di ringraziare, che i problemi sono solo una parte della vita e sono da affrontare e superare…e che forse basta di lamentarci per le piccole cose… Il tempo di condivisione, la S. Messa e il pranzo insieme concludono i due giorni di comunione.

Si torna a casa arricchiti, un po’ scossi, felici e con tanta voglia di rivederci ancora nell’abbraccio dello Spirito