52.jpg

   

        

logo_s

Tra le nuvole e i sassi PDF Stampa E-mail
Scritto da Suor Bernarda   
Venerdì 15 Gennaio 2010 17:38
haiti_mHAITI Il dolore accompagna il cammino dell’uomo sulla terra, si affaccia sempre alla nostra vita sotto forma di tragedia, disastro, terremoto, alluvione, malattia, morte. Il dolore è fedele compagno della nostra storia grandiosa e fragile. Spesso dobbiamo fare i conti con che l’attuale catastrofe è più terribile della precedente e migliaia di fratelli nostri vengono colpiti dalla desolazione.

Il sisma che ha ferito al cuore Haiti e la sua capitale Port-au-Prince è stato devastante, raggiungendo una potenza di oltre sette gradi della scala Richter, ha abbattuto il palazzo del parlamento, ha cancellato l'aeroporto e la vita di migliaia di persone. L'epicentro del sisma, molto vicino alla crosta terrestre, ha reso ancor più violenta l'onda d'urto che ha sconvolto la vita della capitale. Il terremoto si è originato a soli 10-15 chilometri di profondità e proprio sotto la zona più densamente abitata di Haiti, che conta in totale 9 milioni e mezzo di abitanti.

Ancora una volta la catastrofe naturale ha colpito una zona poverissima. In Haiti il 54% della popolazione vive in condizioni di povertà assoluta. Scontri politici, corruzione, deforestazione del territorio, un tempo verdissimo, hanno portato grande povertà in questo paese dove il 65% della popolazione è analfabeta.

I soccorsi internazionali sono in moto, la solidarietà degli Stati Uniti e dell'Europa si fa sentire…in questi momenti drammatici, tutti ci sentiamo uniti, vicini e solidali a questo popolo che sperimenta momenti di vero smarrimento, come in una similare situazione ci sentiremo anche noi, piccoli e fragili creature forti soltanto dalla certezza dell’amore del Padre che accoglie tra le sue braccia coloro per i quali il terremoto è stato il passaggio alla vita eterna e solleva il gemito sconsolato di quanti ne vivono le conseguenze.

In occasione della tragedia che colpì lo scorso anno l’Abruzzo, è venuta alla luce questa canzone degli artisti italiani uniti. Ha anche adesso un senso profondo. Ci muova la solidarietà perché altrettante iniziative sorgano in favore di quanti in Haiti aspettano che venga loro tesa una mano.